ste||arium

12.2.07

futuro verde, futuro nero

ambiente in pericolo
Vi dà fastidio vedere una persona che getta per terra l’involucro di un pacchetto di sigarette? A me sì, ma non per questo sono una persona molto attenta alla salute dell’ambiente circostante. Da piccolo avevo la mia brava tessera del Wwf, poi crescendo anziché approfondire la sensibilità per la natura mi sono lasciato prendere da altro.

Sabato scorso però mi è capitato di partecipare a un incontro dove si parlava del futuro della terra e di uscirne molto turbato. La scomparsa delle foreste, l'aumento delle emissioni di gas, il riscaldamento globale, lo scioglimento dei poli, la desertificazione, etc. non sono più ipotesi paurose, ma dallo scorso 2 febbraio rappresentano certezze: la conferenza del clima di Parigi ha infatti emesso un verdetto di morte certa nei confronti del nostro pianeta, qualora non dovessimo cambiare radicalmente le nostre abitudini. Zygmunt Bauman sostiene che la globalizzazione ci rende tutti più responsabili delle nostre azioni, perché (vado a braccio, non trovo la citazione) oggi il nostro agire provoca conseguenze che non si limitano più al nostro contesto, ma influiscono su altri contesti disseminati in varie parti del mondo a noi sconosciute.

Secondo James Lovelock, il pioniere delle ricerche sulla terra (sua a fine anni Settanta la celebre teoria di Gaia), ormai non c’è più nulla da fare. Per usare il titolo di un grande album dei This Mortal Coil, secondo lui “it’ll end in tears”: finirà in lacrime. Tempi? Un centinaio d’anni scarso. Pochi hanno avuto da obiettare. Ma Lovelock appartiene a un’altra epoca, mentre noi siamo i gggiovani, l’esercito del surf… credo che dovremmo almeno provarci. Così, sollecitato da questo bell’articolo di Piero Bianucci su Specchio, ho provato a riflettere su quello che nel mio piccolo potrei fare.

Parto dalla cosa più elementare. Quanti sprechi di energia avrò causato per la mia pigrizia o disattenzione? La luce che resta accesa senza bisogno, l’acqua bollente che solitaria scorre nel lavandino, il motore in moto durante la sosta in piazzola a telefonare…

Mi piacerebbe fare una lista di questi sprechi. E una volta che è pronta stamparla, per appendermela bene davanti agli occhi. Perché non la scriviamo insieme?

Etichette: ,

6 Comments:

At 2/13/2007 09:53:00 AM, Blogger Fra said...

Si calcola che se in tutta Europa si spegnessero sempre le spie di televisore, videoregistratore, radio ed elettrodomestici vari, si risparmierebbe tanta elettricità da "nutrire" di energia per un anno la Germania.

Ora, l'esattezza del calcolo non la prendete per oro colato, ho sentito questa informazione anni fa e non ricordo da chi. Però credo che una spia spenta sia "un piccolo passo per noi, un grande passo per l'umanità" (Neil Armstrong durante l'allunaggio del 1961).

 
At 2/13/2007 11:57:00 AM, Anonymous notedibordo said...

Aderisco e propongo alcune cose da fare per non sprecare. Mi vengono in mente idee molto semplici:

- non aprire le finestre con il riscaldamento acceso

- preferire le batterie ricaricabili alle batterie usa e getta

- effettuare e promuovere la raccolta differenziata, soprattutto nei casi in cui non è ancora obbligatorio o sul posto di lavoro

- quando ci si lavano i denti, chiudere il rubinetto nei momenti in cui non si usa l'acqua

- riutilizzare fogli vecchi o vecchie stampe per prendere appunti o scrivere bozze

- continuate voi...

 
At 2/13/2007 01:46:00 PM, Blogger andrea said...

cavolo il consumo, gli sprechi, l'inquinamento non me ne parlare ... l'uomo non fa abbastanza per migliorare ... pensa solo a se stesso e al presente non considera che tra qualche anno i problemi del pianeta aumenteranno ...

 
At 2/13/2007 05:49:00 PM, Blogger Paolo said...

Caro Frà l'ha detto il nostro beneamato Beppe Grillo alcuni anni fa. Comunque penso che uno degli sprechi di energia che solitamente faccio è lasciare le luci accese nelle stanze in cui non ci sono!

 
At 2/13/2007 05:50:00 PM, Blogger Paolo said...

preferire le batterie ricaricabili alle batterie usa e getta

e ce credo oltre non sprecare si risparmia!

 
At 2/14/2007 03:47:00 PM, Blogger la rochelle said...

>>fra: grazie per il dato. ma perchè dovremmo nutrire di energia proprio la germania!!! e per un anno poi.. ;-)
>>ndb: che bella lista, sei stata molto attenta! facendo un giro su internet ho visto che c'è grande abbondanza di liste sul risparmio energetico. però è giusto che ognuno di noi si SCRIVA la propria, perchè solo a leggerle certe cose non rimangono!
>>andrea: hai ragione, le cose stanno così ed è questo il motivo per cui ho deciso di utilizzare il mio piccolo spazio personale per parlare anch'io (come moltissimi altri) di questo problema generale che ci riguarda tutti.
>>paolo: hai citato grillo... tra poco pubblicherò la sua lista!

 

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home