ste||arium

25.1.07

il nero della dimenticanza

ombra appesa
Oggi vi racconterò del nero della dimenticanza, un omone barbuto che tiene enormi braccia conserte come Mastro Lindo, ha il ghigno del burattinaio di Collodi e il pauroso incedere dell'orco. Il mestiere del nero della dimenticanza è sottrarci i sogni e le esperienze che lasciamo incustoditi. Proprio come l'uomo nero che si prendeva i bimbi delle mamme distratte.

Tutto ciò che dimentichiamo, un tramonto rosso, un sogno verde, un secondo di coscienza, va a finire dritto nelle braccia del nero della dimenticanza. Imprigionati nella stretta fredda e scura dei suoi bicipiti, i nostri ricordi patiscono la solitudine e quasi mai riescono a fuggire. Il nero della dimenticanza è uno che esegue e basta, se lo interroghi ti risponde allargando le braccia enormi: "è il mio lavoro, carino, che ci vuoi fare". Odioso (ora capite? La gioia che proviamo per certi ricordi riaffiorati è la stessa della mamma che ritrova il proprio bimbo smarrito).

Però capita che tante volte, certe cose le lasciamo incustodite apposta e speriamo che il nero della dimenticanza venga a portarsele via. Così il nero della dimenticanza arriva e pulisce tutto, come il bagnino che rastrella la spiaggia a fine giornata, togliendo l'immondizia e livellando la sabbia. Non sempre vogliamo bene ai nostri ricordi.

Etichette: ,

16 Comments:

At 1/25/2007 04:39:00 PM, Anonymous notedibordo said...

Questo post mi è piaciuto tantissimo! Grazie Pietro! Guai non volere bene ai propri ricordi, al proprio passato, è parte di noi, è viscerale... anche se doloroso, può ancora aiutarci a crescere e a vivere.

 
At 1/25/2007 05:58:00 PM, Blogger romHero said...

Lo conosco anche io, a volte è donna, a volte uomo..
Qualcuno la chiama "Rimozione", altri "Diniego", ma il suo compito quello rimane.
E con l 'incedere del tempo, diventa sempre più parassita.
Simbiotico amico-nemico.

 
At 1/25/2007 09:36:00 PM, Anonymous stasia said...

cucchi

 
At 1/26/2007 01:17:00 PM, Blogger Fra said...

Lo combatto con tutte le mie forze.

A volte, perdo. Purtroppo.

 
At 1/26/2007 04:44:00 PM, Blogger krepa said...

La cosa meravigliosa è che nel nero basta un raggio di sole per fare in modo che i ricordi riprendano vita...per cui in fondo in quel nero basta accendere un lume

 
At 1/27/2007 09:45:00 AM, Blogger andrea said...

è proprio vero, non sempre vogliamo bene hai nostri ricordi ... coplimenti per il post, davvero molto bello ... ciao andrea

 
At 1/29/2007 12:42:00 PM, Blogger Paolo said...

E' inesorabilmente impossibile da fermare... magari lo possiamo contrastare, ma non fermare

 
At 1/29/2007 03:55:00 PM, Blogger PAPARAZZA said...

E' importante tener duro...ed andare avanti...noooooooooooooooooo
ti aspetto ho news di gigi d'alessioooooo

 
At 1/29/2007 07:00:00 PM, Anonymous Giulia said...

Oggi vuoi farmi piangere anche te..
Io non lo combatto...
Io lo desidero..
Il nero della dimenticanza..
Che rastrelli tutto il dolore e
che mi faccia ancora amare..

Ciao Pietro..

Piccola Giulia tornata a casa

 
At 1/30/2007 12:10:00 PM, Anonymous Francesco said...

Gran bel post caro Pietro, mi ha emozionato...davvero. Ti abbraccio!

 
At 1/30/2007 02:10:00 PM, Anonymous Hap Collins said...

è il secondo "personaggio" che crei che mi affascina...
Bravo Pietro!
Il nero della dimenticanza...bello davvero.

Andrea

 
At 1/31/2007 01:11:00 PM, Blogger Pigmalione said...

Lo odio quel tipo, quando mi colpisce guardando da un altra parte...e sono colpi che neppure posso sentire, perchè si porta via anche quelli...rubandoti qualcosa...qualcosa che non sei più certo di aver posseduto...
Ancora peggio forse...è quando invece ti accorgi...che ha colpito gli altri...
Per fortuna qualche volta, la dama bianca della ricordanza, corre in nostro aiuto

 
At 1/31/2007 05:24:00 PM, Blogger la rochelle said...

grazie a tutti per i vostri commenti belli e generosi... sto consumando i giorni a preparare l'ultimo esame (domani se dio vuole) e ho poco tempo per scrivere. anzi, non ne ho manco voglia. meno male che ci siete voi a tirarmi su il morale! a presto :)

 
At 1/31/2007 08:54:00 PM, Anonymous stasia said...

esulto ho ritrovato il mio bambino

 
At 2/01/2007 12:22:00 AM, Blogger PAPARAZZA said...

mitico post...complimenti...come vedi sono tornata a leggerlo...

 
At 2/01/2007 07:40:00 PM, Anonymous Giulia said...

Pietruccio, fatto l'esame?!
Tutto ok?! Ma si, dai..
L'importante è che
il nero della dimenticanza
non ti abbia colto impreparato! ;-)
Volevo dirti che già da un po'
avevo un regalo per te..
Pensavo lo vedessi,
volevo farti una sorpresa..
Ma vabè, fa nulla..
Del resto è ancora da arricchire,
Piccola Giulia

 

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home