ste||arium

24.7.07

le conseguenze dell'amore

eye sky
Tanto tempo fa sognai che entravo da un fioraio: “Spiegami quali sono
i fiori migliori per dire: ti amo ma non posso stare insieme a te”
.

Il fioraio, per niente sorpreso dalla mia pietosa richiesta, scorreva veloce un libro con pagine e pagine di abbinamenti. Ogni cosa da dire, pure la più bizzarra, aveva una combinazione di fiori che la esprimeva.
Era tutto così chiaro.

Siamo arrivati alla pagina che faceva al caso mio. "Ti ci vogliono le rose" sosteneva il fioraio "e pure le bacche degli asparagi". Aveva il tono del medico che sta spiegando a una giovane paziente come avverrà l’aborto.

Ancora oggi il ricordo di quel vecchio sogno continua a rendermi triste.

Etichette: , , ,

17 Comments:

At 7/25/2007 11:04:00 AM, Anonymous Gale il Giardiniere dell'Ammore said...

Secondo me il fiore migliore è un bel Notocactus Magnificu, di cui ti invio per dovere di scienza la scheda completa:

Notocactus
Cactaceae
Generalità: provenienti per la maggior parte dalle lande deserte del sud dell’America,
queste piante hanno un portamento globulare, che tende a diventare cilindrico col passare degli anni. Le spine, che si presentano di colore diverso, possono anche avere la forma e il diametro
diverso in relazione alla posizione in cui
si trovano.
Solitamente quelle al centro sono più
dritte e grosse mentre quelle laterali
sono leggermente arcuate e di diametro inferiore. I fiori, che si sviluppano
sull’apice della pianta, sono di grande dimensione e di colore giallo con sfumature rosse.
Le piante fioriscono dopo diversi anni, anche se qualche varietà dopo appena
3-4 anni presenta già delle infiorescenze. Necessitano di molta luce: per questa

Notocactus magnificu

ragione il Notocactus resiste molto bene anche all’irradiamento diretto dei raggi solari per diverse ore alla giornata. E' opportuno però evitare l’esposizione diretta nelle ore più calde del giorno. Come la maggior parte delle piante grasse anche questa non sopporta il ristagno idrico ed elevati tassi d’umidità: per questa ragione nel periodo invernale bisogna limitare l’acqua allo stretto necessario. Queste piante sopportano abbastanza bene le basse temperature, anche se la temperatura minima non deve scendere al disotto dei 4 gradi. La riproduzione viene eseguita attraverso talea, seme o da polloni.

 
At 7/25/2007 04:35:00 PM, Blogger sempre io said...

un be mazo di anemoni..che sono belliisimi
:Il termine Anemone deriva dal greco anemos, che significa vento; proprio per questo l'anemone è comunemente chiamato fiore del vento. Questo appellativo è da riferirsi senza dubbio anche alla brevissima durata che i fiori dell'anemone hanno e, nello stesso tempo, alla grande fragilità che li caratterizza. Il significato attribuito a questo delicatissimo fiore è dunque quello della malattia e dell'abbandono, ma anche quello di speranza e di attesa, espressa dalla singolare bellezza del fiore

 
At 7/25/2007 04:36:00 PM, Blogger sempre io said...

bel mazzo..bellissimi
scusa ho dimenticato delle lettere nella tastiera

 
At 7/26/2007 10:04:00 AM, Blogger L@ Str@mp@ said...

ti amo ma non posso star con te...che significa...scusa ma forse è la cosa piìù dolorosa che si possa sentir dire una donna.

nè rimorsi nè rimpianti
ricorda..

 
At 7/26/2007 12:53:00 PM, Blogger Fra said...

Posso suggerire il crisantemo rosso? Oppure una bella pagina di agenda che avvolge una bottiglia di limoncello cui è legata una rosa rossa?

 
At 7/26/2007 08:31:00 PM, Blogger la rochelle said...

>>gale, questo fiore del cactus mi pare un po' troppo spinoso per entrare nei miei sogni troppo tristi e delicati. curiosità: ma tu, di regalare un cactus a una donna, dico, l'hai mai fatto?

>>sempre tu: notevole la possibilità espressiva del'anemone, che come me non è un fiore troppo ottimista ed è pure molto bello... proprio come me ;-] ..."fiore del vento" che meraviglia: lo userò (sempre nei miei sogni, intendo)

>>strampa, hai decisamente ragione e anch'io la penso come te e come max pezzali (nessun rimpianto, nessun rimorso!!) però che ci vuoi fare, a volte ci comportiamo in modo irrazionale e anarchico. poi qui stavo giusto parlando di un sogno...

>>fra: i crisantemi? ma sei fuori? non è mica morto nessuno... una pagina di agenda che avvolge una bottiglia di limoncello con rosa allegata: questo sì che è fare sul serio!

 
At 7/27/2007 09:31:00 AM, Blogger L@ Str@mp@ said...

ah giusto max pezzali...non che lo segui molto...!!!appunto i sogni...e i loro significati...da non sottovalutare mai!
non credo che si possa dire una frase del genere mossi dall'irrazionalità...io la trovo un'affermazione fin troppo razionale!

 
At 7/27/2007 01:42:00 PM, Blogger PIDEYE said...

A me fa tristezza pensare che uno che ama una persona poi non voglia starci insieme. Perchè tale privazione??

 
At 7/27/2007 04:44:00 PM, Blogger la rochelle said...

strampa, pideye: posto che tale affermazione non l'ho mai pronunciata se non in sogno, le parole di questo post riflettono una situazione triste ma che nella vita di ciascuno può capitare.

mettiamo che io sia un uomo sposato (che abita all'estero, che ha un lavoro e dei figli, un progetto di vita completamente diverso) e mi sia preso una bella sbandata per un'altra: non credo sia eccessivo razionalismo rinunciare a una storia d'amore "impossibile"... tanto più che certe storie nascono proprio perchè "impossibili" e muoiono non appena si finisce nella routine dell'happy-ending cinematografico del "vissero felici e contenti". poi, per carità, il buon senso nei film non esiste. il buon senso annoia.

voi che cosa fareste?

 
At 7/27/2007 08:05:00 PM, Blogger andrea said...

... se vuoi ti consiglio il mio fioraio di fiducia ...

 
At 7/28/2007 10:54:00 AM, Anonymous Gale said...

si l ho regalato alla mia attuale suocera...e ha gradito!!!^_^

 
At 7/28/2007 02:14:00 PM, Blogger L@ Str@mp@ said...

ah sìì sìì son proprio la persona adatta per commentare,piena di buon senso!!pietro vecchia volpe...
sai io credo che se realmente è amore le scelte sono automatiche e che si possa rinunciare a tutto per quell'amore , stravolgere completamente la propria vita e rinunciare anche a incarichi di lavoro e carriera e ripiegare su altro in nome di quell'amore...se invece alla fin fne "pensavi fosse amore e invece era un calesse"...
allora ecco che facilmente si antepone tutto il resto,improvvisamente quella "sbandata" diventa impossibile,si preferisce dedicarsi ad altri scopi,altre priorità, giustificando a se stessi di aver effettuato la scelta migliore ...ma sai io son sempre quell'inguaribile romantica sognatrice...!!!

 
At 7/28/2007 05:21:00 PM, Anonymous Giulia said...

Passo dopo tanto tempo sui blog
e non potevo non fermarmi a salutarti..
Sai, a me i fiori non piacciono
(cosa strana lo so) e gli unici
fiori che adoro - li amo direi -
sono i tulipani. Vuol dire qualcosa
in particolare? Un bacio Pietro

 
At 7/29/2007 01:12:00 PM, Blogger krepa said...

in poce rige riesci sempre a esprimere qualcosa di bello.
E' un dono che vorrei tanto avere

 
At 7/30/2007 02:29:00 PM, Blogger krepa said...

a distanza di un giorno noto che non mi "entravano" le acca...

erano pocHe rigHe

 
At 7/30/2007 02:54:00 PM, Anonymous notedibordo said...

Il sogno (è davvero un sogno?) che racconti è struggente, già alcune volte ho provato questa sensazione leggendo le tue cose. Senza bisogno di tante parole.

 
At 7/30/2007 10:24:00 PM, Blogger la rochelle said...

>>andrea: e dove starebbe questo benedetto fioraio, a reggio emilia? devo chiamare l'interflora

>>gale: una suocera con il senso dell'humour?! complimenti a lei (che culo che hai avuto, poteva essere un bagno di sangue, incosciente!)

>>strampa, di amori-calessi ne è pieno il mondo, ma gli innamoramenti restano i momenti più elettrizzanti della nostra vita. vale sempre la pena provare, anche a costo di ammaccarsi. però secondo me bisogna distinguere il "ti amo" da innamoramento, bello perchè privo di responsabilità, dal "ti amo" da innamorati, molto più serio e vincolante. il fatto che dal primo "ti amo" si passi al secondo può essere ciò che trasforma un amore-calesse in un amore-amore.
sinceramente credo che sia difficile, una volta arrivati al secondo "ti amo", poter proseguire la frase con un "ma non posso stare con te".

>>giulia!! che bello risentirti!! ho trovato il significato di tulipano (selvatico), te lo riporto qui sotto senza commentare... un abbraccio forte.

"il tulipano selvatico simboleggia il primo amore, mentre nell'arte e nella poesia questo fiore ha rappresentato spesso l'onestà, l'incostanza, l'amore perfetto, la mancanza di discernimento. L'apparente contraddizione dei significati attribuiti al tulipano si pensa debba essere attribuita ai molteplici e contrastanti stati d'animo che vengono sperimentati durante un amore."

>>krepa: grazie! pure la tua scrittura fluente è un dono e sono sicuro che i tuoi post passionali siano un modello per molti di noi. per me lo sono e te lo dico con certezza.

p.s. non ti formalizzare sulla grammatica, non è proprio il caso ;-)

>>notedibordo: diciamo che ho l'abitudine di fare sogni struggenti, ma per fortuna non passo tutto il resto del giorno al struggermi! sì, certe volte sono un po' malinconico e in quei momenti avere un blog in cui sfogarsi è l'ideale...

 

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home