ste||arium

30.6.06

xyz


Camera nella penombra, il sole delle 4 p.m. filtra appena dalle persiane chiuse. Improvvisamente mi torna voglia di fare quella cosa là con la macchina fotografica digitale. Imposto un tempo di esposizione leggermente più lungo e l'autoscatto, avvolgo a spirale la cordicella e poi lascio andare; la Nikon gira vorticosamente su se stessa, così facendo i punti di luce (tre spie del computer colore giallo, blu e rosso) si ripetono in modo caotico oppure si allungano in un continuum spaziale.

Etichette: ,

3 Comments:

At 6/30/2006 08:50:00 AM, Blogger Fra said...

Camera toss è un'esercitazione fotografica semplice, essenziale e molto, molto vicina a quello che sono i nostri sogni.

Perchè? Non lo so, ma guardare i fasci di luce che si assottigliano mi ricorda leggere lettere e numeri (rigorosamente al contrario) appesi su un teepee mentre vago in un canyon accompagnato da Topolino, Napolitano e John Wayne tentando di scappare da una selva di vampiri alieni incazzati perchè Mulder e Scully hanno deciso di rivelare al mondo l'ennesimo X-files.

 
At 6/30/2006 01:17:00 PM, Blogger Cico said...

il tutto è piu efficace se lo fai ad amsterdam, con 4 o 5 amici tossici che sperano di essere i fortunati a comparire in questa nuova "forma d'arte" :)

 
At 7/08/2006 09:38:00 PM, Anonymous Stefano said...

Ciao Piè, ma chi è? Il bassista??

:D

 

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home